La musica degli "EilDentroEilFuoriEilBox84"

Il gruppo si forma a Roma nel giugno del 2004. All'interno di un box. L'84, appunto. Il primo organico conta Lorenzo Lemme (storico, ex-calciatore in prepensionamento e rumbero da strada), Giuseppe Maulucci (fisico, orientalista e bassista principiante), Giorgio Rampone (ingegnere, mimo e polistrumentista dalle dubbie capacità compositive) e fa capo al nome di Box84 (che fantasia!). Le tremende e frustranti precedenti esperienze nel sottounderground folk-core romano li fanno anelare alla potenza. Decidono allora di chiamarsi eildentroeilfuorieilbox84. Da una data imprecisata è costretto ad aggiungersi Alessandro Ciccarelli (Etruria Criminale Banda, Madeké, varie orchestre Jazz e collaborazioni imbarazzanti), fotografo, trombettista, trombonista, trombadaviaggista ed esperto MIDI. 

Ma vogliono di più. Decidono allora di puntare sulle immagini per i loro spettacoli. All'unanimità approvano l'ingresso con ovazione prima della splendida pittrice Patrik Pecorella (ilbuioelaluce) e poi, da febbraio 2008, della mini-illustratrice Cristina Spanò (detta citrulla, per via dei suoi pensieri alquanto sconnessi). E’ così che performance grafiche estemporanee, sinuose espressioni di impressionismo e cangianti frattali autogeni si intrufolano indistricabilmente nei loro concerti sconcertando, ma soprattutto distraendo il pubblico dal delirante guazzabuglio sonoro di sottofondo. 

La fusione di diverse realtà musicali crea un sound molto particolare che, a volte, ma non sempre, amano definire "grott-rock". Blow-up li ha definiti "[non]sense prog-rock". Loro padre dice che suonano "Dis/Art/Music". Sarà vero? Comunque le influenze sono eterogenee e di largo respiro (ma che vuol dire?). In pratica: mettete un frullatore in un frullatore più grande e poi aggiungete dell'acqua, tutti gli album che avete e accendete il secondo frullatore (non fatelo mai!). Ciò che ne esce è eildentroeilfuorieilbox84. 

Dal gennaio 2005 suonano dal vivo in diverse manifestazioni e locali d'Italia accanto a , tra gli altri, Benvegnù, Zen circus, BSBE, Tre allegri ragazzi morti, Offlaga Disco Pax, Hormonauts, The Niro, Lite. Suonano perfino, e non si sa proprio come, al Sorpasso 2008 di Roma, ad Indipendulo 2009 al mei. E’ proprio dal vivo che danno il meglio: lo spettacolo è a dir poco strabiliante e a dir tanto strabiliante: quindi è sempre strabiliante. i fan devono essere generalmente riaccompagnati dai genitori a casa dei nonni, i nostri. 

 

Ananab è l'ultimo album pubblicato ed esce il 24 aprile 2009. E’ il loro terzo lavoro in 12 tracce su policarbonato. Con Ananab tenteranno di scalare le classifiche di tutto il mondo. Poiché Ananab è l’incrocio. Basato sull’unione delle diversità, Ananab è antirazzista. Ananab, come gli altri lavori, è autoprodotto e protetto da Creative Commons per far sì che il suo messaggio si propaghi liberamente. Così come avviene nella strategia evolutiva dei batteri: Ananab è anche un legamechimico, una pesca, una noce, una banana, un ananas. Pensato e creato nel box è stato registrato con lo straordinario contributo di Mr. Reeks, alias Fabio Recchia, produttore artistico di Zu, Brutopop, Truce Clan, Assalti Frontali, Ardecore… Ananab è un continuo rapporto tra il potere dentro e il potere fuori. Ananab è l’incontro. È il contatto dei sensi, è una magnifica follia, Ananab è una fuga zaino in spalla.

 

ASCOLTA L'ALBUM

 

Contatti: http://www.eildentroeilfuorieilbox84.org/

www.myspace.com/eildentroeilfuorieilbox84


Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Red (mercoledì, 27 gennaio 2010 22:07)

    gran bella storia..